Logo Comune
Comune di Bosa
Provincia di Oristano
  • Seguici su:

Aprire una nuova attività

Aprire e gestire un B&B

Il bed and breakfast è l’attività di ospitalità e somministrazione della prima colazione, prestata nella casa di residenza anagrafica da parte di coloro che vi abitano.
Il servizio deve essere assicurato avvalendosi della normale organizzazione familiare, senza la fornitura di servizi aggiuntivi e, in ogni caso, senza organizzazione in forma d’impresa.
Il servizio è esercitato con carattere saltuario o per periodi ricorrenti stagionali, osservando comunque un periodo di chiusura non inferiore a 60 giorni, anche non continuativo, nell’arco dell’anno.
Tali prescrizioni dovranno obbligatoriamente essere specificate nell’autorizzazione e qualsiasi modifica dei periodi di disponibilità dovrà essere comunicata al Comune e all’Assessorato regionale del Turismo.

REQUISITI GENERALI
Il servizio di alloggio può essere fornito in non più di 3 camere, con un massimo di 2 posti letto per camera, più un eventuale letto aggiunto per camera in caso di ospiti minori di 12 anni. Il numero dei locali adibiti all’attività ricettiva va considerato al netto di quelli necessari per la dimora abituale dei residenti.
Il servizio di somministrazione della prima colazione può essere fornito esclusivamente a chi è alloggiato, con la presenza di almeno un componente del nucleo familiare, fermo restando che agli ospiti non è consentito l’uso della cucina.

Il titolare per intraprendere l’attività deve presentare una dichiarazione di inizio attività al Comune in cui è ubicata l’abitazione e comunicare al comune, entro il 31/12 di ogni anno, l’intenzione di proseguire l’attività.
L’esercizio deve avvenire nel rispetto delle norme in materia edilizia, urbanistica, pubblica sicurezza, igiene e sanità, e deve rispettare la destinazione d’uso dei locali.

I SERVIZI ACCESSORI DA EROGARE
In particolare, devono essere forniti i seguenti servizi accessori:
– pulizia dei locali, obbligatoriamente ad ogni cambio di cliente e, comunque, due volte la settimana; sarebbe, tuttavia, opportuno un intervento quotidiano;
– cambio della biancheria una volta la settimana, oltre che ad ogni cambio di cliente;
– prima colazione continentale con cibi preconfezionati (e al massimo riscaldati), senza possibilità di manipolare gli stessi, costituita da: pane, fette biscottate, brioche, marmellata, confettura, burro, caffelatte, succo d’arancia.
Nelle camere non è consentito l’uso di fornelli o simili per prepararsi cibi o bevande e di ogni altro apparecchio produttore di calore tranne quelli per l’ordinaria toilette e deve essere esposto obbligatoriamente il cartellino prezzi vistato dalla Provincia competente per territorio.

Il sindaco, a seguito della Dichiarazione di inizio attività, segnalerà il nuovo bed and breakfast alla Provincia di appartenenza, che lo inserirà nei propri elenchi e, successivamente, in un elenco riepilogativo regionale.

Il titolare dovrà anche comunicare all’autorità di Pubblica Sicurezza di aver avviato un bed and breakfast e, una volta in attività, segnalarle i nomi degli ospiti.

Nel caso il titolare sia interessato può richiedere l’inserimento della struttura nel portale turismo della Regione

REQUISITI TECNICI:
– possibilità di ospitare non più di sei persone in un massimo di tre camere;
– camere con superficie minima di 14 mq per la doppia e 9 mq per la singola;
– 4 mq di incremento minimo per un letto aggiunto di tipo tradizionale;
– 1 mq di incremento minimo per un letto aggiunto di tipo a castello;
– cubatura aggiuntiva minima di 7 mc per alloggiato e fino ad un massimo di 4 posti letto per camera;
– altezza delle camere e vani ad uso comune conformi alle previsioni dei regolamenti comunali per le civili abitazioni.
Le abitazioni devono appartenere alle seguenti categorie catastali:
A/1 -Tipo signorile;
A/2 -Tipo civile;
A/3 -Tipo economico;
A/4 -Tipo popolare;
A/5 -Tipo ultra popolare;
A/7 -Villini;
A/8 -Ville;
A/11 -Tipiche dei luoghi.
Per l’utilizzo di unità immobiliari appartenenti a categorie catastali diverse da quelle elencate è necessaria la preventiva autorizzazione, concessione (o documentazione equipollente) comunale che autorizzi il cambio di destinazione d’uso nel rispetto dei regolamenti edilizi comunali e delle previsioni degli strumenti urbanistici regionali, comprensoriali e comunali.

REQUISITI IGIENICO-SANITARI:
l’abitazione dovrà rispettare le norme vigenti in materia, comprese le disposizioni del regolamento igienico-edilizio comunale per i locali di civile abitazione. In caso di camere prive di bagno annesso dev’essere presente almeno un servizio igienico completo di: water, bidet, lavabo, vasca o doccia, specchio e presa di corrente.

Per avviare l’attività non occorre essere iscritti al registro delle imprese presso la Camera di commercio né essere muniti di libretto sanitario.

Procedimento

La dichiarazione di inizio attività (DIA) può essere presentata in qualunque periodo dell’anno. Entro il 31 dicembre di ogni anno si provvede ad inoltrare al Comune di appartenenza la dichiarazione di proseguo dell’attività per l’anno successivo.

Il Comune provvede al rilascio dell’autorizzazione all’esercizio saltuario del servizio di alloggio e prima colazione in seguito ad accertamento della sussistenza dei requisiti richiesti, per le strutture e i titolari, dalle norme vigenti e dal presenti criteri.
L’accertamento dei predetti requisiti è effettuato sulla base della documentazione presentata e anche mediante appositi sopralluoghi.
Il sindaco provvede alle domande di autorizzazione all’esercizio saltuario del servizio di alloggio e prima colazione entro 45 giorni dalla presentazione. Il Comune entro 30 giorni dall’accoglimento della domanda rilascia l’autorizzazione che abilita allo svolgimento dell’attività, nel rispetto dei limiti e delle modalità stabilite nell’autorizzazione medesima.

Elenco esercenti
Al momento del rilascio dell’autorizzazione, il Comune comunica alla Provincia di Oristano competente per territorio, i dati della struttura al fine dell’inserimento nello specifico elenco provinciale e successivamente in quello, riassuntivo, regionale.

La modulistica relativa è reperibile nella sezione “MODULISTICA” sul lato destro della home page, sezione Polizia municipale

Top